28 Settembre 2022

I nemici interiori della tua creatività

Categoria:  | Tag:  | Elemento: 
I nemici interiori della creatività

Atteggiamenti che bloccano il tuo flusso creativo.

Ci sono momenti in cui ci troviamo in una situazione di blocco creativo. Ti è mai capitato?

È quel momento dove ti sembra di non avere idee - ma anche in cui ne hai troppe -, dove non riesci a darti le giuste priorità e dove tutto ti annoia. Ti sembra che manchino i giusti stimoli, le giuste intuizioni.

Ma è davvero così?

L'inquinamento della vita creativa

Partiamo da un fattore oggettivo: la creatività non è un fine, ma uno strumento per arrivare a qualcos'altro. È un mezzo per dare vita a qualcosa che prima non esisteva. Questo è. Ma molto spesso la creatività diventa un fine.

"Faccio il creativo. Sono una creativa".

Quante volte l'hai sentito dire, quasi fosse un titolo professionale?

Clarissa Pinkola Estés, in Donne che corrono coi lupi, sostiene che l'inquinamento delle acque creative del femminile porti alla perdita di vitalità. La creatività è un fiume che scorre e ci nutre, un flusso continuo di idee e intuizioni pronte a essere radicate e manifestate nel mondo. La creatività non è sempre un fiume in piena, può anche scorrere nelle falde sotterranee del terreno, ma comunque qualcosa si muove e si sviluppa. Come ogni flusso, anche la creatività subisce il moto delle maree.

Dietro alle azioni di scrivere, dipingere, pensare, curare, fare, cucinare, parlare, sorridere, c'è sempre il fiume, il Rio Abajo Rio, che nutre tutto quanto facciamo.

- Clarissa Pinkola Estés

Ma quando siamo totalmente disconnesse dal nostro fiume creativo, stiamo attraversando una fase di crisi spirituale. E dobbiamo capire cosa ci sta accadendo per poi uscirne.

Cosa blocca la creatività

Quali sono le cause del blocco della creatività?

  • Organizzazione e programmazione. Il tuo progetto è sparpagliato in decine di pezzi e post-it. Non riesci a dargli una forma, a strutturare un processo o una procedura che ti permetta di concretizzarlo.
  • Estroversione e perseveranza. Pensi che facendo qualche mossa nel mondo esterno, di aver realizzato qualcosa. Manca un piano, un'organizzazione delle informazioni. O forse la perseveranza, perché nell'ingenuità di aver fatto, hai dimenticato di esserci con corpo, anima e cuore.
  • Desiderio. Ami le tue idee, il desiderio di crogiolarti in loro e con loro nel sognarne la realizzazione. A volte pensiamo che ci basti avere un'idea e che non servano sforzi per manifestarla.
  • Le voci esterne. Di chi ti dice che ciò che crei non è abbastanza buono, o eccellente. Ma anche la tua voce interna può sussurrarti - in modo infimo - che ciò che stai creando non interessa a nessuno, è troppo semplice e inutile.
  • Scuse, che ti permettono di procrastinare. Le scuse sono un ottimo modo per inquinare il tuo flusso creativo. Bloccandoti e tergiversando. Non ho soldi. Non ho tempo. Mi sto tenendo attiva ma... Non ho tutti gli strumenti adatti. Queste sono le scuse che ci raccontiamo.

Hai riconosciuto qualche situazione?

Quando facciamo fatica a dispiegare il fertile, l'immaginativo e l'ideativo; quando fatichiamo a concentrarci sulla nostra visione personale o a persevarare, significa che qualcosa sta bloccando il nostro flusso creativo.

Come riprendersi la creatività

Puoi riprendere la tua creatività bonificando le sue acque.

Ma come si fa?

  • Sii selvaggia. Le acque non si inquinano da sole: deve esserci finito dentro qualcosa. Il fiume non può essere arginato per poter scorrere. Non porti limiti, non censurarti, non ridurre il tutto a un mero scopo utilitaristico ma invece abbraccia ogni idea e intuizione. Anche quelle che ti sembrano più sciocche.
  • Inizia. Non è la paura del fallimento a trattenerti ma la riluttanza a ricominciare più e più volte. Affronta le tue paure: è il modo più semplice per proseguire.
  • Proteggi il tuo tempo e i tuoi spazi. Quando crei - qualsiasi cosa tu stia creando - lascia il mondo fuori. La prima stesura di un romanzo si scrive sempre a porta chiusa, lontano da tutto e tutti, soli con sé stessi. Questo dice Stephen King. Fallo anche tu.
  • Sii ostinata. Nulla può distoglierti dalla tua opera, qualsiasi essa sia. Se pensi di cedere, di mollare, di lasciare perdere, fai come Ulisse: incatenati alla prua della nave e ascolta il canto delle sirene, senza cedere.
  • Crea uno spazio in cui la tua anima può nutrirsi. Che sia uno spazio fisico ma anche immateriale dove trovare pace, ristoro, forza e coraggio. Uno spazio in cui perdersi per ritrovarsi, lontano dagli occhi e dalle orecchie del mondo esterno.
  • Nutri la tua vita creativa. Nutrila con ciò che ami, con ciò che non è utile ma che ti fa sentire viva, passionale, sovrana della tua esistenza.

Proteggi la tua vita creativa e dedicale tempo ogni giorno.

Dedicarti a lei ti permette di riversare quel fiume travolgente di idee e intuizioni nel tuo business, nella tua comunicazione, nel tuo modo di fare marketing online. Ma anche nei tuoi servizi, nei tuoi prodotti, nei tuoi progetti personali.

La creatività non è una questione di fare, ma di entrare in profonda connessione con te stessa e il tuo fuoco centrale. Di essere e fluire.

Vuoi nutrire il tuo Sé con immagini potenti? Vuoi creare un terreno fertile per la creatività, lasciar vagare l'immaginazione e addentrarti in territori immaginativi mai esplorati?

Puoi iscriverti a Creature. È il laboratorio di libroterapia umanistica che ti accompagna nell'esplorazione del genere horror contemporaneo, in un viaggio che attraverso l'antica Grecia arriva sino ai giorni nostri. Ti unisci a me? Leggere con il metodo libroterapico ti permette di nutrire quel terreno dell'anima che ha bisogno di immagini, di storie, di emozioni.

Il terreno che fa da culla al letto del tuo fiume creativo. Il suo humus.

Autore

Alessia Savi

Ciao, sono Alessia. Creo strategie di comunicazione e marketing sostenibili per business al femminile. Strategie piene di ispirazione e anima, perché al centro ci sei sempre tu, con la tua energia e personalità. Nel rispetto di te. Nel mio lavoro ascolto, faccio domande, scrivo storie digitali. E non solo. Il mio mantra è #essercimeglio. Quando non mi occupo di marketing scrivo romanzi, conduco laboratori di libroterapia, mi lascio travolgere dalla bellezza in qualche museo, corro tra i prati in compagnia di Argo. Ogni storia è basata su una Verità: la nostra verità. Le parole risuonano: facci caso.
Cerca nel blog

Post Correlati

03
Aprile
2024
Il repurposing per una comunicazione sostenibile

Fare repurposing dei contenuti rende la tua content strategy più sostenibile e focalizzata. Scopri tutti i consigli per riutilizzare (bene) i tuoi contenuti.

leggi Post
06
Marzo
2024
07
Febbraio
2024

Qual è il tuo elisir segreto?

Scopri i punti di forza del tuo stile di marketing, diventa riconoscibile per essere indimenticabile. Rispondi al quiz gratuito e riceverai un piano d’azione per creare con gioia e passione un business fiorente.

Fai il quiz

Sono Alessia, digital strategist e facilitatrice in libroterapia umanistica. Mi occupo di strategie di comunicazione e marketing sostenibili per business al femminile. Dove al centro, ci sei tu.

© 2015-2024 Alessia Savi ▲ Alchimia della Parola, Digital Strategist a Parma e online - Strategie di Comunicazione e Web Marketing per donne freelance | P.IVA 02840860346 | Privacy Policy & Cookie Policy | Dream Team ♥ Web Design Miel Café Design | Foto Giui Russo | Brand Identity & Illustration Officine Oniriche | SEO La Scribacchina | Consulenza legale Veronica Scaletta | Testi – Me medesima
bubblemagnifiercrossmenuchevron-down