side-area-logo

Come funziona la SEO

Guida alla SEO per il tuo sito web.

Quando si parla di SEO si pensa ai numeri. Nulla di meno che una serie ordinata di statistiche, grafici, analisi e quattrocchi a caccia di nuove strategie per raggiungere il primo posto su Google. Ebbene, la prima cosa che voglio fare è sfatare questo mito.

La SEO ti permette di dare la migliore risposta alle domande degli utenti e, per questo motivo, Google premia il tuo contenuto con le posizioni più alte nei risultati di ricerca. Sei sei bravissima, ti aggiudichi il primo posto, subito dopo gli articoli a pagamento. Non parlo di numeri, non parlo di strategia: parlo di contenuto, di parole, di articoli che incontrano un’esigenza degli utenti e, per la loro pertinenza, sono graditi al pubblico.

Google è uno strumento democratico: più un contenuto è cliccato, più quel contenuto è letto e dunque gradito agli utenti, più Google ne percepisce l’utilità.

Perché fare SEO | Promuovere la tua attività online

Immagina di entrare in un negozio del centro storico. Stai cercando un regalo per la tua migliore amica e cerchi qualcosa di davvero speciale, di unico, che le faccia capire quanto sia importante il suo sostegno per te dopo anni di liti, di fidanzati sbagliati, di consigli, di spalle su cui piangere, film romantici guardati nei cinema d’essai all’aperto.

Entri nel negozio e l’accoglienza è tiepida. Le commesse confabulano, sono distratte dalle notifiche sullo smartphone e non ti salutano nemmeno. Appena ti avvicini a uno scaffale per dare un’occhiata vieni accalappiata da una commessa che arriva dal retro: ti sommerge di promozioni. Tu cerchi qualcosa di speciale, che duri per sempre; lei ti propone le ultime novità e non ti chiede di cosa hai bisogno. Ti stordisce di informazioni che non inutili e ti fa perdere tempo prezioso. Ti guardi intorno e niente sugli scaffali è in ordine. A quel punto vuoi solo uscire dal negozio, senza aver acquistato nulla. Lascerai una pessima recensione sui loro canali social o, quanto meno, gli farai una pessima pubblicità tra tutti i tuoi conoscenti.

Pensa invece se, al posto di quel negozio infernale, ti trovassi nel negozio perfetto: nell’aria c’è un buon profumo e il locale è luminoso. Le commesse ti salutano con un sorriso e restano in attesa. Ti danno tempo per guardarti intorno, rispettano i tuoi tempi: sai che sei hai bisogno, le commesse sono lì per te. Gli oggetti sono esposti con cura sugli scaffali, suddivisi per colore e dimensione. Dopo un po’, una di loro ti si avvicina e ti chiede se può esserti di aiuto. Tu le racconti la tua amicizia di lunga data dal primo giorno d’asilo a quando avete perso i denti da latte insieme, sino a quando – a quattordici anni – avete litigato perché vi piaceva lo stesso tizio: a quel punto, avete capito che non avreste mai litigato per un uomo e avete deciso di giurare amore eterno l’una a Leonardo di Caprio, l’altra a Johnny Depp. Lei ti ascolta per dieci minuti: annuisce, ride in modo complice, ti racconta che la sua migliore amica vive a Milano e le manca da morire. L’algoritmo empatia ti fa dire che la commessa è proprio simpatica e adorabile. Ti propone il regalo perfetto: ti chiede quale sia il colore preferito della tua migliore amica e ci aggiunge anche un accessorio extra che le starebbe d’incanto. Ti ha conquistata. Mentre le racconti della tua amica, le racconti anche di te. Esci dal negozio con il regalo per la tua amica e un regalo anche per te stessa: dopo tutto te lo sei meritata.

Ti stai chiedendo cosa c’entra tutto questo con la SEO? Il tuo sito web è il tuo negozio online, la tua sede virtuale. Devi fare in modo di essere utile per gli utenti, di dare risposte ai loro bisogni e ai loro dubbi con i tuoi contenuti: dopo avergli dato il tempo di conoscerti e instaurare con loro un rapporto di fiducia puoi proporre i tuoi servizi. 

Come fare SEO | Ottimizzare il tuo sito web (SEO On Page)

Prima di parlare di come puoi ottimizzare i tuoi contenuti, dobbiamo rendere il tuo sito web un luogo accogliente per chi ti fa visita. Google parla chiaro: il tuo sito web deve essere veloce e navigabile da mobile.

Per Google, il miglior strumento per fare SEO è WordPress. Ma cosa significa esattamente avere un buon sito web? La SEO fatta sui CMS è più semplice per chi non è un esperto.

  • Scegli un server valido: il mio preferito è SiteGround, che ha aumentato in modo considerevole le prestazioni del mio sito web. Sceglieresti per il tuo negozio virtuale un quartiere pieno di immondizia per strada e di muri imbrattati da insulti? La risposta è scontata, quindi scegli un servizio di hosting sicuro e scappa dal low cost.
  • Rendi semplice la navigazione. La struttura di un sito web è piramidale e segue sempre una struttura ad albero. Focalizzati sui principali argomenti del tuo sito (parti dai tuoi servizi: sarà più facile) e, a cascata, scendi di livello in modo da mantenere una struttura pulita e semplice.
  • Usa le breadcrumbs (le briciole di pane) per facilitare gli utenti nella navigazione. Ricordati la legge dei tre click: ogni pagina del tuo sito deve essere raggiunta in tre mosse.
  • Le voci del menù devono essere semplici. Niente nomi bizzarri ma testi immediati che indichino all’utente cosa può trovare sul tuo sito web. Prevedi al massimo un secondo livello di navigazione per i menù. Gli utenti non devono perdere l’orientamento e avere chiaro di cosa parla il tuo sito web e di cosa ti occupi.
  • Ordina le voci del menù in modo logico, in un percorso che guidi l’utente alla scoperta dei tuoi contenuti.
  • Lo stesso discorso vale per le categorie e i tag del tuo blog: fa’ in modo che siano di aiuto alla navigazione. Se hai molti contenuti, valuta la possibilità di creare pagine tematiche che raccolgano gli articoli suddivisi per argomento.
  • Evita i pop up invasivi che offrono cose che l’utente non ha cercato. Puoi installare un chat bot (Zendesk  è la mia preferita e, se sei un’artigiana e hai un e-commerce, ti consiglio di installarla) che permetta agli utenti di entrare in contatto diretto con te.
  • Inserisci nel footer solo le informazioni secondarie. Google ragiona in modo gerarchico: ciò che sta in alto nella pagina è più importante di ciò che sta nella parte inferiore.
  • Verifica la velocità del tuo sito web. Puoi utilizzare il tool di Google Page Speed Inside. Come vedrai dal tool, Javascript, file CSS, plugin di WordPress e file multimediali appesantiscono il tuo sito. Riduci il loro numero il più possibile.
  • Puoi evitare di avere una sidebar: una bella notizia, vero?

Come fare SEO con WordPress | I plugin essenziali

Ecco un elencodi plugin che puoi utilizzare per ottimizzare il tuo sito in WordPress.

  • Installa il plugin e poi segui le sue istruzioni per muovere i primi passi nell’ottimizzazione dei tuoi articoli. SEO by Yoast ti permette di ottimizzare anche le immagini, non solo i contenuti delle pagine e degli articoli, per cui, fallo. 
  • Dato che dovrai lavorare sui file multimediali, controlla anche la loro grandezza riducila con un plugin come EWWW Image Optimizer.
  • Crea una site map che aiuti Google a indicizzare i tuoi contenuti. Per WordPress puoi utilizzare il plugin Google XML Sitemap, che genera in automatico una site map aggiornata leggibile dai motori di ricerca.
  • Crea un file robots.txt ottimizzato per i motori di ricerca, escludendo quelle pagine che non ritieni utili per gli utenti o che non vuoi che siano indicizzate. Non creare pagine ricche di parole chiave senza senso nella speranza di vedere il tuo sito aumentare la scalata della SERP di Google. Non funzionerà. Per WordPress puoi utilizzare il plugin WP Robots Txt, che ti permette di creare il file attraverso il pannello Admin del CMS “Impostazioni > Lettura > Robots.txt“, dove potrai modificarlo escludendo le pagine che non vuoi veder comparire nella SERP dei motori di ricerca.
  • Monitora la sicurezza del tuo sito. Potresti non accorgerti di incursioni da parte di malware o azioni di spam che possono nuocere alla tua reputazione. Per WordPress installa il plugin Wordfence Security.
  • Ottimizza le prestazioni del tuo sito, in special modo per quanto riguarda la velocità. Per WordPress installa il plugin Wp-Optimize che, una volta impostato, ti permetterà di tenere pulito il tuo database. Se scegli SiteGround come servizio hosting, possiede già un plugin per migliorare le prestazioni del tuo sito web.

La SEO non è solo questo. La SEO è strategia, analisi e pianificazione. Non pensare che la SEO sia fatto di tecniche assurde o fumo negli occhi. La SEO è un insieme delle analisi e del mettersi in ascolto dell’ecosistema digitale.

Il tuo sito deve essere sempre organizzato e strutturato in funzione degli utenti; i tuoi contenuti devono dare risposte, intrattenere, emozionare, formare, offrire soluzioni a problemi.

Se vuoi capire come migliorare il tuo sito web puoi seguire la video serie di casi pratici che ho preparato per te: scoprila seguendo il link perché al termine, avrai anche una deliziosa sorpresa.

Recommend
  • Facebook
  • Twitter
  • Google Plus
  • LinkedIN
Share
Tagged in

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, scopri come fare nella cookie policy. Cliccando sul pulsante, acconsenti all'uso dei cookie. MAGGIORI INFORMAZIONI

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi