Gli ingredienti di un sito web perfetto

Come leggere il preventivo per un sito web.

Se scegli di curare la tua presenza online, il tuo business ha molte più possibilità di crescita rispetto a chi non utilizza i mezzi digitali. Questo è un vero vantaggio solo se sai cosa serve alla tua attività per promuoverti. Forse non hai bisogno di un sito internet ma di un investimento continuativo in advertising su Facebook.

Ogni realtà – piccola o grande che sia – è un microcosmo a sé: le regole cambiano, non sono mai le stesse perché le variabili in gioco e le loro combinazioni mutano l’ecosistema in cui si muove il business.

Un’analisi preliminare dei tuoi obiettivi può farti risparmiare tempo, soldi e fatica. Perché? Richiedendo una consulenza a un digital strategist puoi capire quali siano i passi da fare per una strategia di comunicazione digitale adatta al tuo business e finalizzata al raggiungimento dei tuoi desideri. Se hai un’attività di cibo da asporto non ti serve un sito web ma, molto probabilmente, una strategia di adversing online con una targetizzazione geografica mirata.

A volte si è convinti di aver bisogno di una cosa per poi comprendere che non è ciò che ci serve realmente. Uno sguardo esterno ci aiuta proprio in questo: a capire quali siano le nostre reali necessità.

Il sito web, nell’80% dei casi, è alla base di una strategia di comunicazione digitale e diventa imprenscindibile se sei un’artigiana, un piccolo business o un libero professionista che lavora (anche) online. Quante aziende in Italia hanno un sito web? La risposta la trovi in questo articolo del Corriere Comunicazione sulla digital economy.

Essere online è un vantaggio per il tuo business perché sei tu a guidare le informazioni sul tuo brand, senza lasciare la comunicazione in mano ad altri. Puoi decidere quando hai bisogno di aumentare la tua reputazione con contenuti strategici; chiedere ai tuoi clienti recensioni sincere; fidelizzare i tuoi clienti (o potenziali tali) con coccole continue.

Senza un sito internet da cui immettere in rete le informazioni ufficiali del tuo brand, tutto questo non puoi farlo.

Oggi voglio aiutarti a capire che tipo di investimento serve alla tua attività.

 

Hosting e servizi

Partiamo dal presupposto che considero un sito professionale solo se creato con WordPress. Wix e piattaforme simili non ti fanno risparmiare nell’acquisto dell’host, non ti danno la possibilità di modificare il codice sorgente e spesso sono sviluppati in AJAX, un linguaggio di programmazione che Google sconsiglia di utilizzare dal 2009.

Google, che è attento alle abitudini degli utenti, ha creato un gruppo di sviluppo per WordPress (che è open source, ovvero può essere implementato da sviluppatori sparsi per il globo terracqueo), consapevole che più del 25% dei siti web è realizzato su questa piattaforma.

WordPress ti aiuta ad aggiornare il tuo sito web in piena autonomia e dispone di infinite funzionalità grazie all’installazione di vari plugin (come WooCommerce, che permette la creazione di un e-commerce sicuro e dalle ottime prestazioni, ideale per artigiani e crafter) e a template grafici personalizzabili.

Il costo relativo a WordPress è così composto:

  • ricerca e aquisto del template grafico più adatto al progetto;
  • acquisto di eventuali plugin a pagamento;
  • ore di sviluppo e personalizzazione del template da parte del web designer.

C’è chi prevede i costi diretti (acquisto del template e di eventuali plugin) all’interno del preventivo e chi, invece, li considera come costi aggiuntivi da conteggiare a parte rispetto all’analisi e sviluppo del sito stesso. Se decidi di avere un layout realizzato da zero da un programmatore, i costi raddoppiano.

Per il piano hosting è meglio spendere qualcosa in più a avere prestazioni migliori: un server veloce aiuterà il tuo sito nel posizionamento sui motori di ricerca. Nel mio rebrand sono passata da Aruba a Siteground e le prestazioni del sito sono quadruplicate da mobile e raddoppiate da desktop. Nel piano hosting è previsto anche l’acquisto del servizio di backup.

Questo costo può essere compreso nel preventivo oppure a carico del cliente. La seconda scelta viene utilizzata per motivi di autonomia nel pagamento dei rinnovi annuali del dominio stesso e lasciare il cliente libero da vincoli con il web designer.

 

Responsività e usabilità

Gli utenti navigano online da smartphone e tablet. Da una ricerca del 2017 risulta che sono 43 milioni gli italiani che dichiarano di accedere a internet dai vari dispositivi mobile, di cui 37,5 milioni dichiarano di poter accedere da smartphone (+11,5%) e 15,4 milioni da tablet (+12,5%).

Il tuo sito deve essere responsive e navigabile da mobile. 

La sua navigazione, i contenuti, la struttura del menù e dei vari elementi che compongono il sito web (microcopy, elementi del footer e della sidebar) devono essere semplici e accompagnare il lettore nel percorso tra le tue pagine. Il web designer deve avere bene in mente la gerarchia dei contenuti che proponi: guidare gli utenti a trovare in modo rapido le informazioni che cercano (e che vuoi fargli trovare) ti aiuterà a essere ricordato per la fruibilità della tua offerta.

Perché?
Perché al centro della tua comunicazione deve esserci il tuo potenziale cliente. 

 

Visual e testi coerenti

Se vuoi un sito che ti rispecchi al 100% dovrai mettere in preventivo un servizio di branding fotografico che esalti i tuoi servizi o prodotti, la tua personalità e metta in luce le caratteristiche che rendono unico il tuo brand. In caso contrario dovrai avvalerti di immagini stock che, seppur di altissima qualità e acquistate dal web designer per darti un sito completo, resteranno sempre scollate dalla parte più intima della tua brand identity.

Le immagini devono essere coerenti con i testi del tuo sito: essi si completano l’uno con l’altro e la loro armonia è fondamentale per la riuscita del progetto. Valuta sempre lo stile di scrittura che ti viene proposto dal tuo web designer (sia che sia lui a scrivere i testi sia che lo faccia un copywriter).

I testi devono rappresentarti, portare il lettore ben oltre le immagini che supportano le parole con cui scegli di raccontarti. Testi banali, ricchi di parole vuote e aggettivi non portano benefici alla tua presenza online. Testi concreti, densi, ricchi di frammenti di te e dell’etica del tuo business fanno la differenza. 

 

SEO

I fattori che impattano sul posizionamento del tuo sito web sono:

  • velocità di caricamento;
  • responsività;
  • contenuti aggiornati;
  • utilizzo delle keyword;
  • ottimizzazione del codice del sito web;
  • certificato SSL (in genere fornito dal servizio di hosting);
  • collegamento a Google Analytics e Search Console.

Se vuoi partire con un sito di buona qualità devi prevedere di avere immagini e testi ottimizzati, un sito veloce (la velocità dipende dalla connessione internet, dall’host che ospita il sito e dall’ottimizzazione del codice) e il protocollo di sicurezza SSL. Sull’aggiornamento dei contenuti dovrai prevedere un piano editoriale e un blog in cui raccontare la tua attività e accogliere utenti interessati a scoprire cosa fai.

Il web designer può occuparsi della SEO? Se è ferrato sull’argomento sì. E del tuo piano editoriale? Solo se si occupa anche di contenuti per il web.

E poi?

Ecco gli altri elementi che ti permettono di avere un sito web professionale con cui presentarti online.

  • Un modulo contatti;
  • un modulo di iscrizione alla newsletter (se ti domandi perché ti serve, trovi la risposta in questo articolo);
  • sezione blog;
  • collegamenti social network;
  • formazione (o manuale) di utilizzo di WordPress;
  • sicurezza del sito (Siteground ha già attivo sull’host un ottimo servizio di protezione);
  • eventuale aggiornamento futuro con e-commerce;
  • cookie e privacy policy (per la cookie policy puoi utilizzare Iubenda o avvalerti di un buon avvocato).

Questi sono gli elementi a cui devi prestare attenzione quando richiedi il preventivo per il tuo sito web. Domanda sempre quali siano le voci di spesa incluse e quelle escluse.

Tu hai valutato questi aspetti del tuo sito web?

 

Recommend
  • Facebook
  • Twitter
  • Google Plus
  • LinkedIN
Share
Tagged in

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, scopri come fare nella cookie policy. Cliccando sul pulsante, acconsenti all'uso dei cookie. MAGGIORI INFORMAZIONI

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi