La regola è non avere pietà

Impara dai grandi #3. La parola a R. R. Martin, Re del fantasy moderno.

George R. R. Martin, nato in New Jersey nel 1948 è membro della Science Fiction and Fantasy Writer of America. Dalla sua incompiuta e fortunata saga, Le cronache del ghiaccio e del fuoco, è stata tratta la serie televisiva più seguita, amata, odiata e temuta degli ultimi anni. Noto per non avere pietà con i propri personaggi. Definirlo un puro scrittore di fantasy è erroneo perché, a parte qualche drago, non morti e maghi rinsecchiti, nella sua serie il richiamo al fantasy classico è il suono di un corno lontanissimo. Le sue opere hanno un forte connotato realistico, strizzano l’occhio alla Storia e la magia ne diventa accessorio, uno dei tanti elementi della vicenda ma non quello determinante.

L’ho scelto perché estremamente prolisso, dedito al blocco della pagina bianca e perché, in un’esplosiva intervista a due voci con il collega Stephen King, lo scambio di battute e consigli lo rende uno scrittore umile, più umano di molti altri, con la propria fantasia dilagante, le paure normalissime, la voglia di andare avanti e quella di lasciare un’opera incompiuta. E poi il nostro caro George è “uno di noi“. Se fate un giro sul suo sito internet ha un blog in cui parla di tutto ciò che gli gira, parla della sua carriera, degli amici scrittori, dei libri che legge e delle cose che ha visto.

Benché non sia una sua fan, ho l’onestà di riconoscergli un indiscusso genio eclettico – spazia dal fantasy allo sci-fi passando per l’horror -, uno spiccato amore per la tragicità che me lo rende affine; un amore per personaggi sporchi, tendenzialmente grigi – dunque né bianchi né neri, eroi che diventano antieroi e mai senza macchia e senza paura –

Per citare una sua famosa frase:

… quando i miei personaggi sono in pericolo, voglio che tu abbia paura di voltare pagina, (così) è necessario mostrare direttamente dall’inizio che si sta facendo sul serio.

10 consigli agli autori di George R. R. Martin

There were a time when I was afraid, I would never sell another book, but I never doubted I’d write another book.

  1. Niente limiti all’immaginazione. Scrivete ciò che più vi aggrada, spegnete il vostro censore interiore e andati avanti.
  2. La morte dei personaggi principali è un motore che spinge in avanti la storia e, con lei il lettore. Essere imprevedibili è la qualità più importante di uno scrittore.
  3. Scegliete il punto di vista utile al vostro scopo narrativo. Più punti di vista sono complessi da gestire, ma se le vicende sono interessanti il lettore vi seguirà ovunque vogliate.
  4. Credete nel punto di vista che avete scelto e rendetelo credibile.
  5. Create personaggi grigi. Questo vi permetterà di renderli dannatamente reali e dalle mille sfaccettature.
  6. Inserite nella storia molti personaggi con tante qualità differenti, in modo da offrire un’ampia gamma della natura umana al lettore.
  7. Create background complessi per i vostri personaggi, profondi e stratificati. Fate in modo che evolvano all’interno della storia. I personaggi hanno aspirazioni, ambizioni, sogni e desideri che li muovono e che, forse, non raggiungeranno mai. Questo rende un personaggio realistico.
  8. Rubate dalla Storia senza riserve. La Guerra delle Rose è stata la base per la costruzione del rapporto tra Lannister e Stark.
  9. Il dolore è potente. Se parlate di violenza, dolore, tragedie, ricordatevi che questi hanno sempre conseguenze. Sopratutto nel Medioevo.
  10. Superate i cliché del fantasy.

E ricordate: Valar Morghulis.
Perché ogni personaggio ha un tempo limitato, proprio come la vita umana.

In questa intervista doppia a George RR Martin e Stephen King sono emersi interessanti segreti di scrittura.
Mi sono divertita moltissimo a guardarlo, un po’ come se avessi origliato alla loro conversazione seduti al bar, dato che non è molto differente da quello che condivido con le amiche.

[cookie-policy]

Contenuto non disponibile
Consenti i cookie cliccando su "Accetta" nel banner".

[/cookie-policy]

Quale aspetto della scrittura di George RR Martin preferite?

Recommend
  • Facebook
  • Twitter
  • LinkedIN
Share

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, scopri come fare nella cookie policy. Cliccando sul pulsante, acconsenti all'uso dei cookie. MAGGIORI INFORMAZIONI

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi