Organizzare i contenuti con categorie e tag

Come utilizzare categorie e tag per fare ordine tra i tuoi contenuti e migliorare la SEO.

Ti è mai capitato di entrare in un sito web e non capire di cosa parlasse?
Di leggere un blog e trovare tag e categorie che non ti aiutavano a trovare i contenuti che desideravi all’interno dell’archivio?

La SEO ci aiuta quando scriviamo nel modo più chiaro, essenziale e semplice possibile.
Questo signfica lasciare da parte le parole che suonano bene ma che non significano nulla, quelle che fanno parte del tuo linguaggio più autentico ma che non vengono utilizzate dalle tue potenziali clienti nelle ricerche online.

La SEO non è poetica, è strategica.
L’equilibrio tra il tuo tono di voce  e la strategia lo trovi creando contenuti con uno scopo, specifici perché rispondono sempre a una domanda definita.
Ci sono alcune sezioni del tuo sito web in cui non puoi permetterti di far perdere tempo alle tue visitatrici, in cui devi essere chiara e lasciare da parte gli orpelli per ottimizzare l’esperienza degli utenti sul tuo sito e far capire loro cosa fai in pochissimi passaggi.

Il blog è il tuo lasciapassare per il posizionamento sui motori di ricerca: per questo devi creare una struttura gerarchica dei tuoi contenuti che aiuti le persone a trovare informazioni e a restare sul tuo sito più a lungo possibile.

Differenza tra categorie e tag in WordPress

Il modo più efficace per organizzare i tuoi contenuti e rendere la navigazione tra le tue pagine piacevole, è l’utilizzo di categorie e tag. Qui, come avrai intuito, non puoi permetterti nomi evocativi, concetti astratti, nomi di rubriche il cui significato è noto solo a te.

Quali sono le differenze tra Categorie e Tag?

  • Categoria. Le categorie racchiudono gli argomenti principali del tuo blog e spiegano, in sintesi, di cosa parla il tuo sito web. Sono macro categorie in cui racchiudere i tuoi post. Le categorie, su WordPress, hanno una struttura gerarchica e puoi quindi creare delle sottocategorie dei tuoi argomenti. Per esempio, se ti occupi di food, potresti avere la categoria “Ricette” e, come sottocategorie, “Dessert” – “Primi piatti” – “Antipasti”.
  • Tag. Spiegano l’argomento dei tuoi post e sono trasversali rispetto alle categorie, entrando nello specifico dei tuoi contenuti. Riprendendo l’esempio precedente, i tuoi tag potrebbero essere “torte” – “pasta” – “pizze e focacce” etc.

Quando scegli i nomi per le tue Categorie e i tuoi Tag, sii chiara e specifica.

Perché categorie e tag sono importanti

Categorie e tag sono importanti per creare una struttura gerarchia del tuo blog.

  • Aiutano i tuoi lettori a trovare ciò che stanno cercando.
  • Ti aiutano a organizzare i tuoi contenuti.
  • Aiutano a definire i post correlati all’interno del tuo blog.
  • Ti permettono di arricchire e rendere vario il tuo calendario editoriale.
  • Le categorie migliorano l’indicizzazione nei motori di ricerca.

Come utilizzare le categorie per ottimizzare la SEO

I tag non hanno più una rilevanza considerevole nell’indicizzazione, ma le categorie sì. Una buona site map che racchiude categorie e tag specifici, aiuta i motori di ricerca a capire di cosa parla il tuo sito web e velocizza la scansione dei tuoi contenuti.

In questo modo, le pagine archivio delle singole categorie diventano dei veri indici di contenuti.

Perché le tue categorie siano efficaci per la SEO del tuo sito web, ricordati:

  • di creare categorie che contengono al massimo 1-3 parole;
  • che le categorie devono contenere le parole chiave con cui vuoi farti trovare;
  • che le categorie devono essere correlate ai tuoi servizi o prodotti.

Come creare una struttura di categorie organizzata

Come si crea una gerarchia di categorie che possa aiutare le tue potenziali clienti e, al contempo, ti aiuti a migliorare la SEO del tuo sito web?

  1. Crea una tabella in cui scrivere i tuoi servizi e/o prodotti.
  2. Per ogni servizio, scrivi almeno 3 argomenti di cui potresti parlare.
  3. Una volta che hai trovato le categorie, individua eventuali sottocategorie e crea due insiemi di argomenti: uno principale e uno secondario.
  4. Le tue categorie devono essere almeno 5 e non più di 20. Meno sono più resterai focalizzata nella creazione dei tuoi contenuti. E aiuterai le tue lettrici a non perdersi nei meandri del labirinto che hai – involontariamente – creato.
  5. Se hai già un blog, puoi rileggere i tuoi vecchi post per individuare i tag. Oppure, creare una nuova lista di tag da utilizzare sul tuo sito web. Ricordati che, mentre le categorie lavorano in modo gerarchico (quindi verticale), i tag lavorano in un’ottica orizzontale, ovvero sono trasversali e comuni a più categorie.

Consigli sull’utilizzo delle categorie e dei tag

Le categorie sono pensate per un ampio raggruppamento dei tuoi post. Ecco come gli utenti ordineranno i tuoi contenuti nella tua navigazione e possibilmente nella tua barra laterale. Pensa alle categorie come a capitoli e il tuo blog è un libro.

  • I post non devono essere inclusi in più di 1 categoria, per evitare la duplicazione dei contenuti sui motori di ricerca.
  • Le categorie dovrebbero contenere più post.
  • Scrivi titoli brevi per le tue categorie.
  • Utilizza le sottocategorie solo se necessario.
  • Non utilizzare la categoria WordPress predefinita “Senza categoria”.
  • Usa parole chiave descrittive per creare tag ma senza creare frasi lunghe. Pensa a quali parole un lettore userebbe per cercare il tuo post.
  • Puoi utilizzare tutti i tag che desideri per ogni post.

Le categorie e i tag migliorano la navigazione del tuo sito web e ti aiutano a creare un calendario editoriale vario, in cui la rotazione dei tuoi contenuti si basa sugli argomenti che hai definito nelle tue categorie. In questo modo sarai focalizzata e supporterai il tuo core business con contenuti sempre pertinenti alla tua offerta.

Vorresti imparare qualcosa di più sulla SEO? Puoi iscriverti a InfuS(e)O, il mio corso gratuito che ti aiuta a fare amicizia con questo magico strumento.

Recommend
  • Facebook
  • Twitter
  • LinkedIN
Share
Tagged in

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, scopri come fare nella cookie policy. Cliccando sul pulsante, acconsenti all'uso dei cookie. MAGGIORI INFORMAZIONI

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi