side-area-logo

La vita è tutta questione di Resistenza ai ricordi.

Resistere, oggi, significa arrivare alla fine del mese, sbarcare il lunario. Trovare un lavoro che offra un briciolo di stabilità economica, e questo non coincide sempre con il concetto di dignità.
Poi ti guardi indietro, e vedi quelli per cui Resistere significava non abbandonare un Paese nelle mani di un ideale imposto, non cercato né voluto.

Le mie nonne me l’hanno insegnato: non si smette mai di ascoltare, né di ricordare. Vivono nel ricordo di chi se n’è andato, nel ricordo di ciò che era la vita quando si stava peggio, ma di certo, meglio di ora. Anche con la guerra sopra casa e tutt’attorno, con le bombe sganciate a pochi chilometri e la paura di essere i prossimi a essere seppelliti sotto le macerie. La guerra l’hanno vissuta in modo diverso loro, una ragazzina e una già quasi donna. L’una, a restare impigliata nei rami di un pesco mentre i tedeschi sganciavano le bombe sulla città. Terrorizzata, le mani sulle orecchie, sperando finisse e di essere ancora viva per raccontarlo. Dieci anni e la paura di morire ogni giorno, per aver fatto la scelta sbagliata: quella dei cristiani veri, che credono prima di tutto in Dio e poi nella Chiesa. Quelli che hanno nascosto tre giovani tedeschi di nemmeno vent’anni nel fienile e il terrore puro, forte e cieco, di essere scoperti e ammazzati tutti quanti. Che fossero partigiani o altri tedeschi, aveva poca importanza: la fine sarebbe stata comunque la stessa.
Invece li hanno salvati.
Li hanno rimandati in Germania, loro a piangere e ringraziare in una lingua che mia nonna non dimenticherà mai. Stranieri in terra straniera, a combattere una guerra voluta da altri. Si sono salvati tutti, in quella casa di campagna in cui si viveva dei prodotti della terra e del proprio sudore.

L’altra, già ragazza, a dover combattere contro il regime fascista mentre finiva la scuola con la divisa da Balilla. L’imposizione di uno stile di vita mai voluto. Un fratello scappato sui monti, l’altro disertore. Uno che è sceso all’estremo Sud, fuggendo da una guerra che non voleva fare, lavorando nei campi per le famiglie senza uomini, che quelli erano andati al fronte e chissà se sarebbero tornati mai. E’ sceso lungo lo stivale e poi, quando gli Alleati sono sbarcati, è risalito con loro, lentamente. Eppure è tornato anche lui. Lei, invece, ha sentito le grida delle torture sotto casa, ha visto i rastrellamenti e ha temuto di essere tra quelli, quando tutti in fila nel cortile della chiesa hanno chiesto i nomi dei partigiani. Silenzio. Ripagato con la morte di quelli che avevano trovato. Le ricorda ancora, le urla, le racconta ogni volta con lo stesso sguardo assente rivolto a quei giorni, quando correre in bicicletta da un paese all’altro era necessario per dare agli altri la forza di andare avanti.

Sapevano sarebbe finita, che la guerra non dura per sempre, nemmeno se ce l’hai in casa e ci cresci insieme.

Che la guerra, come diceva quel prozio che è stato come un padre per mio padre e un nonno per me, la fai solo se ti appartiene. Altrimenti, non è niente. Solo uno sbaglio.

Il mio 25 aprile è fatto di ricordi. 
Il mio 25 aprile parla di un mondo che conosco tra le colline del paese in cui vivo. Le attraverso con lo sguardo e le vedo settant’anni fa, mentre le Brigate Nere sfilano lente per una strada che non ha nulla a che vedere con quello che è ora, fatta di negozi e asfalto. Settant’anni fa era un canale a cielo aperto dove le donne andavano a lavare i panni e i bambini a giocare. Il mio 25 aprile legge i nomi tra le lapidi in ricordo dei caduti protagonisti di quelle storie con un’anima. Di quei ventenni che non hanno ceduto alle torture, che l’Ideale — il loro — era tutto. Valeva ancora la pena morire per quella cosa che si chiama Libertà.

Avevamo paura, credevamo di morire ogni giorno. Ma ce l’abbiamo fatta.

Il mio 25 aprile significa ascoltare un mondo che mi parla e non vuole essere dimenticato. Un pezzo di storia che continua a gridare.
Io Ricordo.
E a volte, è un po’ come Resistere.

Recommend
  • Facebook
  • Twitter
  • Google Plus
  • LinkedIN
Share
Tagged in
There are 4 comments on this post
  1. aprile 26, 2015, 8:32 pm

    Mi hai fatto ricordare i ricordi (!) di mia madre della guerra, vissuta a Bologna da ragazza. E’ stata una guerra meno crudele, la sua, fatta di sirene nelle fabbriche per l’arrivo dei bombardieri e di corse a piedi nudi tra i sassi per allontanarsi dalla ferrovia. Io però non sento il bisogno di ricordare, lo confesso. Mi basta sapere e guardare avanti. Non è per noncuranza nei confronti delle persone che hanno sofferto e sono morte, quanto per il bisogno di avvertire lo stimolo insito nel passato, e non il suo peso.

  2. aprile 27, 2015, 9:31 pm

    La mia è deformazione sentimentale. Mio padre è un maniaco della storia, e mi ha trasmesso sin da bambina l’amore per ciò che è stato. Spesso guardo con nostalgia al passato, perché ci trovo tante ere in cui sarei stata meglio, per questo mi piace anche scriverne, rifletterci e condividere quello che penso. Non ne avverto il peso, per me è invece un modo per apprendere il presente che è riflesso di un passato, lontano o vicino che sia. Mi piacerebbe credere che i corsi e i ricorsi storici non esistono, ma purtroppo non è così. Purtroppo mi leggerete troppo spesso a parlare di Storia, ma per me è la base di ogni… storia. Mi capita spesso di infilare nei miei racconti o romanzi aneddoti storici, o prendere spunto da essi per ricavarci altro. Anche se non posso affatto definirli romanzi storici, la mia è sempre una documentazione “concreta”, anche se scrivo qualcosa di fantastico.
    Potessi, continuerei a studiare all’Infinito!

  3. aprile 27, 2015, 10:07 pm

    Si sente che per te è vita viva. Dal canto mio, anche se non ho la fortuna di condividere il tuo feeling con la storia, apprezzo molto leggerla in narrativa, forse proprio perché sento il bisogno di colmare una lacuna macroscopica.

  4. maggio 01, 2015, 11:35 am

    In narrativa leggo di tutto, ma il romanzo storico non è la mia prima scelta, devo esserne sincera. Amo invece moltissimo i film e le serie televisive storiche, ci trovo sempre moltissimo su cui riflettere e imparare. Spesso i romanzi a sfondo storico finiscono con l’essere concentrati sulle storie d’amore e questo mi spegne sempre un po’ l’interesse. Sto puntando La saga della Rosa, che racconta la Guerra delle Rose in Inghilterra, e mi sono comprata la saga di Tortuga di Evangelisti di recente. Proprio a dieta non la sono, ecco. Tu quali romanzi storici preferisci? Dinamici e molto fedeli, o che si prendono libertà narrative? Sono felice che la mia ossessione per la storia non diventi una cosa da professoressa di italiano pluri-ottantenne! A volte mi sento un po’ fuori dalle righe, per questa cosa.

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, scopri come fare nella cookie policy. Cliccando sul pulsante, acconsenti all'uso dei cookie. MAGGIORI INFORMAZIONI

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi