Come usare la creatività per creare freebie fantastici

Nelle scorse settimane, una mia cliente, mi ha chiesto quando avrei organizzato un corso sulla creatività e la sua richiesta mi ha spiazzata. Un po’ perché continuo a farmi grandi domande esistenziali sulla creatività.

  • Come si può restare creativi?
  • Da dove nasce la creatività?
  • Come evolve?
  • Come funziona il processo creativo?
  • Ci sono tecniche per non esaurire mai il bacino di idee e ispirazioni alle quali attingere?

Ad alcune di queste domande ho già cercato di dare una risposta.

Quando parliamo di creatività spesso la sovrapponiamo, in modo erroneo, al concetto di arte. Un punto in comune, tra i due, esiste, ed è la capacità di parlare a un pubblico eterogeneo, senza passare necessariamente dalla spiegazione razionale per veicolare il proprio messaggio.

Creatività quindi è la capacità di trovare soluzioni innovative, di osare, di esplorare oltre i confini dell’ignoto: l’arte, è solo un mezzo attraverso il quale la creatività può manifestarsi e prendere forma tangibile, ma potrei annoverare tra gli sbocchi della creatività anche la matematica, la fisica quantistica, l’imprenditorialità, le innovazioni digitali e meccaniche.

Molto spesso mi viene fatto notare che ho una spiccata creatività e per me diventa difficile, un po’ come per gli scrittori, spiegare come nasce, come la nutro – no, questo è facile -, come la incanalo all’interno del mio lavoro. La risposta semplice sarebbe “ha sempre funzionato così”. Un po’ come se dovessi spiegare in che modo (e il motivo) per cui respiro, ecco.

Oggi però voglio provarci e darti qualche suggerimentoper rendere i tuoi freebie dei contenuti gratuiti davvero unici e di valore, dove la tua creatività raggiunge i suoi massimi livelli di espressione e divertimento.

Differenza tra freebie e content upgrade

Prima di passare alla parte pratica e creativa, voglio fare una distinzione tra content upgrade e freebie, entrambi lead magnet, ovvero strumenti per l’acquisizione di contatti per la tua newsletter e per nutrire il tuo pubblico.

  • I content upgrade sono contenuti scaricabili veloci da realizzare e utili per il tuo pubblico. Sono appunto degli approfondimenti dei contenuti già presenti sui tuoi canali (in particolare sul tuo blog). Un esempio? Le check list!
  • I freebie sono contenuti più corposi, che ti permettono di generare valore e di guidare le persone alla scoperta del tuo modo di lavorare con maggior profondità.

Analizza i tuoi vecchi freebie

Quando la tua newsletter fatica a crescere di numero di iscritti, i motivi sono vari.

In particolare:

  • non promuovi i tuoi freebie e i tuoi content upgrade sui tuoi canali social
  • hai creato freebie e content upgrade uguali a quelli di decine di altre persone (spesso, tue competitor)

Anche per i contenuti gratuiti devi lavorare sulla progettualità del contenuto, ricordarti chi è il tuo pubblico e come puoi essergli di aiuto.

Lo fai per i tuoi servizi: perché non dovresti farlo per ciò che offri gratuitamente?

La gratuità è un modo per far conoscere il tuo lavoro, il tuo approccio lavorativo, i tuoi strumenti di lavoro.

Per prima cosa, quindi, riprendi i tuoi vecchi freebie e fatti queste domande.

  • Emerge il mio metodo lavorativo?
  • Rappresenta la mia visione?
  • È un contenuto utile per il mio pubblico?
  • In quanti ne hanno già parlato online allo stesso modo?

Dopo esserti fatta queste domande, passa a quella più importante:

  • Esiste un altro modo per fare la stessa cosa?

E la risposta, ti accorgerai, che sarà sempre sì.

Quindi annota quali sono i freebie che puoi migliorare.

A volte può essere la forma; altre volte ti accorgerai che non è chiaro l’obiettivo del freebie; altre volte non emerge il tuo metodo lavorativo altre, ancora, vedrai che ci sono troppe persone che hanno creato la stessa cosa e la stanno presentando allo stesso modo con cui lo stai facendo tu.

5 consigli per creare freebie fantastici

Ora che abbiamo controllato ciò che hai già ideato e realizzato, ecco i miei consigli per migliorare i freebie che hai già, anziché creare qualcosa di nuovo, partendo da zero.

  • C’è differenza tra freebie e content upgrade. I primi sono contenuti più corposi e complessi; i content upgrade sono contenuti brevi e semplici da realizzare che aumentano il valore dei tuoi blog post e, come tali, devono essere degli approfondimenti di quanto hai raccontato sul tuo blog.
  • Gli ebook possono essere dei contenuti veloci da scaricare. Hai pensato di renderli editabili da pc? Sarai più ecologica e il tuo freebie aumenterà di valore agli occhi del tuo pubblico.
  • Rendi i tuoi freebie multimediali. Questo significa creare percorsi strutturati che permettano alle persone di approcciarsi al tuo lavoro attraverso linguaggi diversi: video, visuale, audio e scritto.
  • Trova un modo differente di realizzare un freebie se è già stato proposto decine di volte. Ti faccio un esempio? Atlante, il mio video corso in 4 lezioni per la creazione di calendari editoriali ispirati. Molto spesso online trovi degli ebook, a volte dei percorsi via email, ma quante volte hai trovato un video corso che unisce la parte strategica e la parte creativa della realizzazione dei tuoi calendari editoriali?
  • Smettila di ragionare solo tramite il concetto di “passive income” (sì, anche per i freebie) e prova a creare qualcosa di più complesso e impegnativo come, per esempio, una sfida in cui guidare il tuo pubblico.

Immetti nei tuoi freebie – ma questo vale per tutta la tua comunicazione – elementi caratteristici della tua identità. Il valore percepito di ciò che fai passa anche dal tipo di contenuto che proponi in modo gratuito.

13 idee di freebie per far crescere gli iscritti alla tua newsletter

4 idee di freebie di realizzare se sei un local business.

  • Una guida turistica ai luoghi della tua città in ebook.
  • Un’audio guida ai luoghi della tua città. Da ascoltare passeggiando.
  • Un magazine online in collaborazione con altri local business della tua città che hanno una visione comune alla tua. L’unione fa la forza!
  • Un tutorial. Può essere la video ricetta più richiesta del tuo ristorante; l’allestimento dei tavoli per una festa da organizzare a casa; come restaurare un mobile; come riorganizzare gli spazi; come creare una decorazione floreale a tema. Sii creativa!

4 idee di freebie da realizzare se sei un’artigiana (o, in generale, vendi prodotti).

  • Una guida di stile per indossare i tuoi capi o accessori.
  • Oppure una inspiration board.
  • O, ancora, una rivista (come fosse un magazine di moda!).
  • Una guida alla moda sostenibile (e dove comprare capi di abbigliamento slow fashion, sia local che online, magari con uno sguardo all’artigianato, al vintage e al second hand).

5 idee di freebie da realizzare se sei una freelance e vendi servizi.

  • Un mini percorso di formazione.
  • Un tutorial sull’utilizzo di un software.
  • Il primo modulo di un tuo corso a pagamento.
  • Una masterclass in cui tieni una lezione su un argomento caldo per il tuo pubblico.
  • Oppure un webinar.

Non mi resta che invitarti a entrare a far parte di Atanor, il club delle mie lettrici più affezionate dove ogni mese parlo di comunicazione, web marketing e imprenditoria sostenibile. Con uno sguardo alla creatività e alle ispirazioni raccolte dal mondo che mi circonda.

Recommend
  • Facebook
  • Twitter
  • LinkedIN
  • Pinterest
Share
Tagged in

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, scopri come fare nella cookie policy. Cliccando sul pulsante, acconsenti all'uso dei cookie. MAGGIORI INFORMAZIONI

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi