1 Agosto 2023

Connessioni episodio 2 - Volteggio

Categoria:  | Tag: , , | Elemento: 
Connessioni, episodio 2

È il 1984 quando George Orwell afferma che saremmo stati convinti che 2 + 2 fa 5. Ed è il 1984 quando nasce Cirque Du Soleil.

Puoi ascoltare Volteggio, la puntata di Connessioni e poi (ri)studiarla leggendo il testo.

“Quante volte siete stati convinti a comprare qualcosa in tv che non vi serviva? Quante volte qualcuno vi ha spinto a fare qualcosa che non avreste voluto fare? Quante volte la vostra decisione ha dovuto cedere il passo a qualcun altro?
Stiamo parlando del 1984.
L’anno in cui, disse George Orwell, saremmo stati convinti a credere che 2 più 2 fa 5. La sua storia ci ha dimostrato che si può controllare la mente.”

Ed è il 1984 quando Guy Laliberté, Gilles Ste-Croix e Daniel Gauthier danno vita a Cirque du Soleil. Sino a quel momento, l’industria circense è satura e le espansioni di mercato, limitate.

Ma quello che accade, nel 1984, è qualcosa di straordinario, rivoluzionario, inimmaginabile. Cirque du Soleil diventa l’esempio portante della Strategia Oceano Blu, scritta da W. Chan Kim e Renée Mauborgne nel 2005. 

Gli oceani blu sono spazi di mercato che non esistono. Spazi creati su una domanda sopita del pubblico. O non ancora esistente. Per creare oceani blu serve immaginazione, ma non solo. Serve anche analisi per potersi staccare dagli oceani rossi, carichi di competizione, e scivolare in acque placide. E poi serve avere coraggio. Coraggio di cambiare, di rompere gli schemi. Di rischiare.

Inizia così, la prima sfida di Cirque du Soleil per rompere il tetto di cristallo. 

  • Cirque du Soleil elimina gli elementi costosi dalla sua attività. Animali, artisti famosi e prodotti in concessione vengono spazzati via dal modello di business.
  • Sceglie una sede unica, spaziale, esplosiva, e sedi fisse negli Stati Uniti, come quelle in cui andranno in scena gli spettacoli di Las Vegas.
  • Riduce le attività comiche e le trasforma in un’atmosfera artistica, fatta di danza e musica raffinata. Nei suoi spettacoli inserisce un tema portante, produzioni multiple, ambiente ricercato.
  • Eleva i suoi valori: sostenibilità, arte e cultura, diritti degli animali. Cirque du Soleil porta così un nuovo target al circo. Non più solo famiglie e bambini, ma chi ama il teatro e l’opera.

Quello che accade, sottraendo e aggiungendo, è qualcosa di inimitabile. Cirque du Soleil innalza l’esperienza al suo massimo potenziale, aumentando così anche il prezzo del biglietto. 
Keyvan Paymani, chief brand officer del Cirque du Soleil, in un’intervista a Forbes successiva alla pandemia ha dichiarato:

“Miriamo a promuovere una scintilla di immaginazione, un tocco di meravigliosa stranezza e quell'intangibile elemento di sorpresa per creare qualcosa di veramente straordinario. Questo è il fulcro del nostro marchio e il fulcro di ciò che i nostri fan si aspettano da noi.”

Ogni brand mira a catturare il cuore e la mente, l’immaginazione e i desideri. L’aspirazione è sempre quella di provocare una trasformazione radicale. O, quanto meno, una trasformazione - all’apparenza anche piccola - che possa diventare tempesta.

E tu, come porti stupore e meraviglia nella vita del tuo pubblico?

La seconda sfida di Cirque du Soleil si presenta durante la sua espansione tra gli Anni ‘90 e 2000. Lo spettacolo ha più di 4.000 dipendenti provenienti da più di 40 Paesi. Questo porta l’organizzazione ad affrontare problemi di diversità culturale e ambientale, barriere linguistiche, insoddisfazione negli artisti per i lunghi periodi passati lontani dalle famiglie. La direzione prova a decentralizzare la sede, ma i costi sono troppo alti, ed è costretta a ritornare alla sede principale, in Canada. 

In più, a seconda del bagaglio culturale, il messaggio comunicato può essere molto diverso. E Cirque Du Soleil si trova a gestire stereotipi e pregiudizi. La domanda è quindi: come sostenere l’espansione? Come sfruttare tutto questo potenziale creativo? Come costruire un’attività che sia veloce, capace e innovativa senza lasciarsi sopraffare?

La terza sfida di Cirque Du Soleil, dettata dalla pandemia, è quella di molte altre imprese che vivono della vita fuori dalla rete: sopportare l’impatto della chiusura di lungo periodo. Nel marzo 2020 viene licenziato il 95% dello staff e, successivamente, Cirque Du Soleil dichiara la bancarotta, a cui segue una ristrutturazione aziendale. 

Per rendere sostenibile la tua attività e affrontare sfide all’apparenza insormontabili, come quelle di Cirque du Soleil - o una pandemia mondiale - ecco cosa puoi fare:

  • I fan, la community, al centro. Avere feedback in tempo reale, creare una connessione diretta con il pubblico, migliorare in modo continuo la loro esperienza sia sui tuoi canali di comunicazione che all’interno del processo di acquisto. E oltre.
  • Ridurre i costi di gestione, massimizzare le entrate dalle offerte e renderle sostenibili in termini di prezzi, gestione del tempo, infrastrutture (digitali e non).
  • Digitalizzare. Smaterializzare il business. Se ci pensi, quello che è accaduto è che proprio lo smartphone ha dematerializzato altri dispositivi fisici: cartine geografiche, walkmann, video registratore e fotocamera, radio e pellicole fotografiche. 
  • Renderlo dirompente. E democratico. Perché la digitalizzazione permette di arrivare molto lontano, con un semplice smartphone e un accesso a internet. 

Approfondimenti

  • Per scrivere questa puntata di Connessioni, Volteggio, ringrazio Tiffany McDaniel e il suo romanzo, L’estate che sciolse ogni cosa, edito da Atlantide edizioni, da cui è tratta la citazione iniziale. E, ovviamente, Strategia Oceano Blu di W. Chan Kim e Renée Mauborgne.
  • Per osservare il circo da una diversa prospettiva puoi leggere Nightmare Alley di William Lindsay Gresham.
  • Puoi guardare una qualsiasi registrazione di Cirque du Soleil per capire di cosa parliamo quando parliamo di stupore e meraviglia

Autore

Alessia Savi

Ciao, sono Alessia. Creo strategie di comunicazione e marketing sostenibili per business al femminile. Strategie piene di ispirazione e anima, perché al centro ci sei sempre tu, con la tua energia e personalità. Nel rispetto di te. Nel mio lavoro ascolto, faccio domande, scrivo storie digitali. E non solo. Il mio mantra è #essercimeglio. Quando non mi occupo di marketing scrivo romanzi, conduco laboratori di libroterapia, mi lascio travolgere dalla bellezza in qualche museo, corro tra i prati in compagnia di Argo. Ogni storia è basata su una Verità: la nostra verità. Le parole risuonano: facci caso.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Cerca nel blog

Post Correlati

03
Aprile
2024
Il repurposing per una comunicazione sostenibile

Fare repurposing dei contenuti rende la tua content strategy più sostenibile e focalizzata. Scopri tutti i consigli per riutilizzare (bene) i tuoi contenuti.

leggi Post
06
Marzo
2024
07
Febbraio
2024

Qual è il tuo elisir segreto?

Scopri i punti di forza del tuo stile di marketing, diventa riconoscibile per essere indimenticabile. Rispondi al quiz gratuito e riceverai un piano d’azione per creare con gioia e passione un business fiorente.

Fai il quiz

Sono Alessia, digital strategist e facilitatrice in libroterapia umanistica. Mi occupo di strategie di comunicazione e marketing sostenibili per business al femminile. Dove al centro, ci sei tu.

© 2015-2024 Alessia Savi ▲ Alchimia della Parola, Digital Strategist a Parma e online - Strategie di Comunicazione e Web Marketing per donne freelance | P.IVA 02840860346 | Privacy Policy & Cookie Policy | Dream Team ♥ Web Design Miel Café Design | Foto Giui Russo | Brand Identity & Illustration Officine Oniriche | SEO La Scribacchina | Consulenza legale Veronica Scaletta | Testi – Me medesima
bubblemagnifiercrossmenuchevron-down