Come impostare il flusso di creazione dei contenuti

Il batching passo dopo passo per creare contenuti ispirati in modo veloce e organizzato.

Come sai la tecnica del lavoro a blocchi (ovvero il batching) è fondamentale nella gestione del mio business. Mi viene chiesto spesso come organizzo il lavoro dietro le quinte, come rendo la mia comunicazione sostenibile e al contempo sempre ispirata.

Il mio segreto non è un segreto: è lavorare sui miei contenuti in uno stato di quiete, dove le notifiche sono staccate, dove non rispondo alle mail, dove sono concentrata solo sulla mia comunicazione e il mio pubblico.

Fase 1: preparazione e ricerca

Ecco come affronto il mio flusso di lavoro per arrivare alla mia settimana di batching carica per far fronte alla mia comunicazione.

  • Preparo in anticipo i miei calendari editoriali. Questo significa che, durante la fase di pianificazione dell’anno, predispongo già anche una bozza dei calendari editoriali, che comprendono gli articoli del blog da scrivere e i macro argomenti da approfondire sui miei canali social.
  • Pianifico a inizio anno i miei giorni di batching. In genere, per me dura una settimana, nella quale non inserisco appuntamenti con le clienti e sono praticamente irreperibile. In questo modo investirò il mio tempo nel batching senza distrazioni e senza la tentazione di riempire quegli spazi con altri impegni.
  • Ho un archivio dei contenuti già creati. È un file Excel semplice, dove annoto tutti i miei blog post, le newsletter e i contenuti dei vari canali social con un link ai contenuti (o alle cartelle dove ho salvato i testi in bozza prima della pubblicazione). Questo mi aiuta quando devo fare repurposing.
  • Mi lascio ispirare dalle carte oracolo della mia Ruota dell’anno. Le mie carte del mese sono esposte davanti a me, nel mio studio, quindi mi connetto con quelle energie per creare miei contenuti. Mi lascio guidare e ispirare per tutto il mese, in modo da poter attingere alle intuizioni. Come mi piace dire spesso “raddrizzo le antenne della creatività” e lascio che ogni articolo letto, ogni esperienza, possa essere uno stimolo. Ed è qui che annoto tutto sul mio cellulare. Per farlo utilizzo Evernote e Asana.
  • Ricerca e salvataggio delle fonti.
  • Ricerca delle immagini.

Fase 2: creazione dei contenuti

Il batching funziona perché ci porta in uno stato di lavoro profondo, che con la creatività gioca un’accoppiata vincente per creare contenuti in modo veloce, fluido, senza distrazioni e soprattutto, in modo armonioso.

  • Per prima cosa scrivo i contenuti pilastro della mia comunicazione: blog post e newsletter.
  • Poi passo al gruppo Facebook, un luogo dove ho un appuntamento fisso con la mia community a cui non posso mancare.
  • Successivamente, inizio a lavorare sui social media veloci: pagina Facebook e account Instagram.
  • Infine, creo le grafiche per il mio account Pinterest.

In questa fase è importante suddividere il lavoro in attività che siano simili tra loro. Dopo la creazione dei vari contenuti, dove c’è anche la fase di repurposing, si passa alla programmazione.

Fase 3: verifica e programmazione

Anche questa fase è un lavoro di batching, ma ci permette di ottimizzare moltissimo il lavoro di creazione del contenuto.

  • Proof reading
  • Ottimizzazione SEO (per il blog, YouTube e Pinterest)
  • Programmazione

Quali strumenti utilizzo per la programmazione dei miei contenuti?

  • WordPress e il mio software di email marketing
  • Creator Studio per la pagina Facebook e Instagram
  • Facebook per la gestione del gruppo Facebook
  • PostPickr per Linkedin e Pinterest.

Se questo post ti è stato utile puoi iscriverti ad Atlante, il mio percorso gratuito che ti aiuta a migliorare la qualità dei tuoi calendari editoriali e dove trovi una lezione di approfondimento dedicata al flusso di lavoro per la creazione dei contenuti.

Recommend
  • Facebook
  • Twitter
  • LinkedIN
  • Pinterest
Share