7 Febbraio 2024

Lo storytelling per creare empatia e relazioni

Come fare storytelling per il tuo brand

Racconta la tua storia diventando indelebile.

Lo storytelling per il brand è l’arte di raccontare storie di valore.

Nel marketing e nella comunicazione di business c’è la tendenza a credere che tutto sia storytelling. Basta infarcire un messaggio con un tocco di narrazione intimista e tutto dovrebbe funzionare, nella teoria. In realtà funziona solo quando lo usi al momento e nel modo giusto.

Lo storytelling è fondamentale nella tua strategia perché connette le persone, ti avvicina al tuo pubblico, lo fa immedesimare in una situazione. Una storia diventa tessuto condiviso intorno a un fuoco, dialogo e spunto di riflessione, una trama che si fa ricordare.

Perché integrare lo storytelling nella tua strategia

Lo storytelling migliora la tua comunicazione online. La rende viva, empatica, emozionale, multidimensionale, trasformativa.

Nelle storie riusciamo a ritrovarci, a sentirci comprese, a gettare uno spiraglio di luce sui nostri lati d’ombra. Quando raccontiamo, questo ci permette di rafforzare il legame tra noi e il nostro pubblico. Quando invece il pubblico siamo noi, attraverso le storie entriamo in relazione con l’universo di altri brand.

Lo storytelling ha il potere del canto delle sirene. Predispone le tue clienti ideali a mettersi in ascolto, a fermarsi con te anziché scorrere in fretta il feed. Attraverso la narrazione, le persone iniziano a conoscere la tua personalità, a percepire come le fai sentire quando hai qualcosa da condividere con ciascuna di loro.

Le storie sono vivide, ricche di sfumature che suscitano emozioni travolgenti e che ci accompagnano anche dopo la fine del racconto. Non è un caso se le persone ricordano una storia 22 volte in più rispetto a un dato oggettivo.

Non solo: lo storytelling scatena reazioni che inducono il corpo a produrre ossitocina, l’ormone della felicità. Sarà per questo motivo che ci sentiamo così bene quando ci tuffiamo tra le pagine di un nuovo romanzo o guardiamo la nostra serie TV preferita? Io credo di sì.

Se sei un’introversa e la vendita è il tuo Tallone d’Achille, raccontare il tuo brand ti permette di avere una comunicazione meno invasiva, di non sentirti un’intrusa nella vita delle tue clienti ideali, e di invitarle nella tua con naturalezza.

Che cos’è – davvero – lo storytelling

Fare personal storytelling come freelance è condividere informazioni utili e ispirazioni sotto forma di storie. È raccontare di ciò che mantiene vivo il tuo brand, dei valori che ti guidano, di ciò che motiva la cliente ideale e di come lavorare insieme potrà cambiare la sua vita e anche la tua.

Lo storytelling nella comunicazione di brand riguarda sempre le tue clienti ideali e le loro storie. A volte la protagonista puoi essere tu ma la morale della favola è sempre offrire qualcosa di prezioso a loro.

Per usare lo storytelling in modo efficace online, prendi a prestito gli schemi della scrittura creativa, le strutture che sostengono le storie che hai divorato leggendo fino a notte fonda.

Una storia ha un inizio, un punto conflitto e una risoluzione. Sempre.

Hai presente quei film senza capo né coda, quelli che arrivati a metà non sai più che cosa stai guardando? Quello è l’effetto che vuoi assolutamente evitare. Una storia porta da un punto A ad un punto B attraverso momenti chiave riconoscibili che il pubblico può capire facilmente. Semplifica concetti astratti e complessi per permettere a chi ascolta di immergersi anziché restare a guardare confuso.

Che cosa invece NON è storytelling?

  • Articoli farciti di informazioni più o meno rilevanti.
  • Gli aggiornamenti sui tuoi risultati di vendita.
  • I tuoi messaggi promozionali.
  • Buttare qualche metafora azzardata qui e là.
  • Le polemiche travestite da riflessioni a cuore aperto.
  • Esibizionismo.
  • I post in stile flusso di coscienza.
  • Inondare la newsletter di dettagli sul tuo privato.

Le radici di un racconto che sa (ancora) emozionare

Lo storytelling ti aiuta ad aumentare la fiducia verso il tuo brand e la percezione che tu sia una persona reale, autentica nella tua comunicazione.

La comunicazione digitale è frammentata, asincrona, distribuita tra mille contenuti in cui tu, proprio tu, vuoi farti notare dalle clienti ideali per iniziare con loro una nuova storia. Creare una narrazione di brand immersiva con lo storytelling come legante è tracciare un sentiero che unisce il tutto.

Come puoi lasciarti ispirare dalle storie che lasciano senza fiato?

  • Scegli il tuo protagonista e fallo agire nella storia. Metti al centro la tua cliente ideale con i suoi desideri, i sogni e le difficoltà. Usa l’arco narrativo del viaggio dell’eroe per guidarla nel suo viaggio di trasformazione: che cosa vuole ottenere o raggiungere? Quali sono gli ostacoli che le impediscono di raggiungere i suoi obiettivi? Cosa può aiutarla a superarli?
  • Inizia con il botto. Quando l’inizio di una storia ti regala un dettaglio intrigante o un’atmosfera vivida, non vedi l’ora di voltare pagina. Metti l’elemento migliore della tua storia nell’incipit, per invogliare il tuo pubblico a restare per scoprire cosa c’è dopo.
  • Crea un conflitto. Situazioni scottanti, momenti di crisi e rotture sono il motore delle buone storie. Il conflitto permette al racconto di proseguire a un ritmo incalzante e all’eroina o eroe di compiere il suo viaggio di trasformazione.
  • Risoluzione. Come sarà il finale della storia? Ci sarà un vissero tutti felici e contenti oppure qualcosa andrà storto? L’eroina dovrà affrontare nuovi pericoli?

L’alchimia per uno storytelling autentico che crea empatia e relazioni

Il tuo brand ha già mille storie, lo sapevi?

Per portare lo storytelling nella tua strategia di comunicazione non devi aspettare di trovare una storia grandiosa dal finale sconvolgente. Una narrazione di brand autentica è fatta anche di piccoli passi, di inciampi, di capriole.

Puoi raccontare la storia del tuo brand, le storie delle tue clienti o anche le storie di altre professioniste invitandole per una diretta o un guest post. Le storie di vita ordinaria stimolano la riflessione, ci fanno crescere e ci fanno anche sentire meno sole perché raccontano di qualcosa che in fondo riguarda anche noi. Ci fanno sentire parte di un gruppo.

Puoi aiutare le persone a imparare qualcosa di nuovo, con il tuo stile. Puoi portarle dietro le quinte del tuo lavoro per parlare di processo creativo o di produzione. Oppure creare dei case study per fare luce su una difficoltà comune delle clienti e come la potete risolvere insieme.

Parlare di noi, di ciò che siamo nel lavoro, significa farci identificare come professioniste con valori definiti, un'etica salda, un cuor di leone che trema davanti al successo e all'insuccesso, un passato a cui guardare con fierezza.

Personale e privato: trova il tuo equilibrio

Se hai un business online, devi essere online e questo vuol dire anche raccontare qualcosa di te oltre a quello che vendi. Perché l’empatia nasce dalla condivisione di quello che ci rende individui con le nostre esperienze, i punti di vista, le prese di posizione.

Questo è il dictat che abbiamo accettato ma il problema per tante freelance è che non sanno come stare online.

Cosa raccontiamo? Cosa vogliamo trasmettere di noi, della nostra attività? Cosa si percepisce all’esterno? Sarà giusto?

Le parole hanno sempre un peso, le immagini anche. Condivisione si trasforma nel sinonimo di ansia e si annaspa in un mare di incertezza. Ci si sente come al primo appuntamento: nervose, imbarazzate e con il terrore di fare mille figuracce una dietro l’altra.

Essere online significa accettare quei dubbi perché non c’è una risposta giusta. Il confine nel personal storytelling lo tracci tu, in base ai tuoi valori e al tuo modo di essere.

I contenuti personali rafforzano la relazione con il pubblico perché dentro hanno l’anima e l’essenza. Parlano di ciò che ci nutre ma anche del modo in cui viviamo i nostri valori, delle passioni che ci rendono chi siamo.

Guarda il vlog di The Unexpected Gipsy. Nel suo personal storytelling c’è un mix di vita quotidiana, ispirazioni e dietro le quinte del suo processo creativo. A volte condivide riflessioni che nascono dal privato ma sceglie consapevolmente di non trattare temi che per lei appartengono alla sfera più intima.

Personale e privato non sono sinonimi ma nel digitale il limite è sfumato: dove si spinge la tua riservatezza? Online possiamo condividere tutto, ma la domanda che dobbiamo porci è se ciò che stiamo per condividere interessa a chi ci segue.

Qualsiasi cosa scegliamo di condividere, qualsiasi strumento scegliamo di adottare chiediamoci sempre se stiamo generando valore. Anche l'ispirazione e la leggerezza lo sono.

Un esercizio di storytelling per te

L’arma migliore dello storytelling è mostrare, non raccontare come direbbe Stephen King. Impara a far emergere la tua storia dai dettagli e a evocare sensazioni che restano.

La tua storia può essere narrata con linguaggi diversi: testi e video, audio e immagini, grafiche. Allenati a raccontare la storia migliore che hai sperimentando con modalità e stili differenti fino a trovare la tua cifra stilistica.

Dai un’occhiata al profilo Pinterest di Eos Koch. Basta uno sguardo per essere immerse in un’atmosfera definita perché ogni elemento richiama ordine, calma, focus. Anche questo è storytelling.

Per iniziare, immagina di voler scrivere un post o una newsletter per il tuo pubblico più affezionato. Rispondi a queste domande:

  • Che storia vuoi raccontare? Può essere la trasformazione di una cliente da crisalide in farfalla grazie al tuo magico intervento. Uno spicchio di vita quotidiana per mostrare cosa succede dietro le quinte di un servizio. La storia di quando hai iniziato, dell’errore che non faresti più e che puoi evitare alla cliente ideale condividendo la tua esperienza. Non limitarti ai soliti due o tre momenti cruciali, usa uno sguardo ampio per illuminare le storie che ancora aspettano di essere raccontate.
  • Quali emozioni governano la tua storia? Concentrati sul movimento della trama e sui personaggi. Gioia, paura, tristezza, rabbia, desiderio di rivincita, fiducia, … Una storia avvincente alterna picchi e baratri, luci e ombre.
  • Quali elementi rendono la tua storia riconoscibile? Qui parliamo del tuo tono di voce ma anche di tutti gli altri elementi che caratterizzano il tuo stile narrativo. Animi il tuo storytelling con descrizioni degli ambienti a colpo d’occhio oppure ti concentri su un singolo filo d’erba? Catturi l’attenzione con stepitosi incipit in medias res? I tuoi finali hanno un colpo di scena che stravolge tutto come un romanzo di Palahniuk? Queste sono le caratteristiche che rendono il tuo storytelling indelebile.

Ricorda sempre che la morale della favola non è per te ma per chi ascolta. Qual è il messaggio che vuoi lasciare e far risuonare dentro di loro?

Racconta la tua storia: oggi non puoi farne a meno.

Desideri raccontare in modo appassionato la storia del tuo brand?

Scegli una comunicazione rilevante per il tuo pubblico e ricca di ispirazione con lo storytelling. Con Fuochi, il mio percorso gratuito, di guido alla scoperta di un modo di raccontare il tuo brand che trasformerà il tuo pubblico. Contenuto dopo contenuto.

    Iscrivendoti ad Atanor riceverai l'accesso ad Atanor Lab, la mia membership gratuita dove ogni mese troverai nuovi contenuti ad attenderti. Leggi l'informativa completa sul trattamento dei dati personali qui. Potrai disiscriverti quando lo vorrai.

    Mi prenderò cura dei tuoi dati e non li condividerò con nessuno, e ricorda: puoi annullare l'iscrizione in qualsiasi momento ♥

    Autore

    Alessia Savi

    Ciao, sono Alessia. Creo strategie di comunicazione e marketing sostenibili per business al femminile. Strategie piene di ispirazione e anima, perché al centro ci sei sempre tu, con la tua energia e personalità. Nel rispetto di te. Nel mio lavoro ascolto, faccio domande, scrivo storie digitali. E non solo. Il mio mantra è #essercimeglio. Quando non mi occupo di marketing scrivo romanzi, conduco laboratori di libroterapia, mi lascio travolgere dalla bellezza in qualche museo, corro tra i prati in compagnia di Argo. Ogni storia è basata su una Verità: la nostra verità. Le parole risuonano: facci caso.

    Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    Cerca nel blog

    Post Correlati

    21
    Febbraio
    2024
    01
    Febbraio
    2024
    Connessioni episodio 6 - Apertura

    Dalle Lezioni Americane di Italo Calvino passando attraverso il mito, per portare visione nel tuo marketing.

    leggi Post
    20
    Dicembre
    2023
    Rituali d’ispirazione per il nuovo anno del tuo business

    Intuito e magia per iniziare il nuovo anno con consapevolezza

    leggi Post

    Qual è il tuo elisir segreto?

    Scopri i punti di forza del tuo stile di marketing, diventa riconoscibile per essere indimenticabile. Rispondi al quiz gratuito e riceverai un piano d’azione per creare con gioia e passione un business fiorente.

    Fai il quiz

    Sono Alessia, digital strategist e facilitatrice in libroterapia umanistica. Mi occupo di strategie di comunicazione e marketing sostenibili per business al femminile. Dove al centro, ci sei tu.

    © 2015-2024 Alessia Savi ▲ Alchimia della Parola, Digital Strategist a Parma e online - Strategie di Comunicazione e Web Marketing per donne freelance | P.IVA 02840860346 | Privacy Policy & Cookie Policy | Dream Team ♥ Web Design Miel Café Design | Foto Giui Russo | Brand Identity & Illustration Officine Oniriche | SEO La Scribacchina | Consulenza legale Veronica Scaletta | Testi – Me medesima
    bubblemagnifiercrossmenuchevron-down