Content marketing: come creare un piano editoriale

Il piano editoriale in funzione degli obiettivi di marketing.

Tutti ti dicono che avere un blog è fondamentale e tu continui a essere un inguaribile scettico. Credo sia normale. A volte la pigrizia, i risultati non immediati, la costanza necessaria e le lunghe ore di ricerca possono rendere il blog una croce, più che una delizia.

Pensa invece che il blog indirizza gli utenti verso di te, li avvicina, gli fa scoprire chi sei, come ti racconti, come ti muovi all’interno del tuo business e quali problemi – anche indirettamente – risolvi. Il blog ti aiuta a posizionare il tuo sito sui motori di ricerca grazie agli aggiornamenti e ai contenuti che proponi.

Il piano editoriale ti permette di avere vita facile nella creazione dei contenuti per la tua content strategy e, al contempo, ti permette di rendere il tuo business interessante agli occhi dei potenziali clienti grazie alla tua capacità di risolvere piccoli problemi con i tuoi contenuti.

Sei ancora scettico? Proviamo a vedere insieme come creare un piano editoriale in funzione dei tuoi obiettivi di marketing.

Trasforma gli obiettivi di marketing nel tuo piano editoriale

Il tuo piano marketing accompagna il tuo business plan.

Racchiude le linee guida della tua strategia annuale di guadagno, le azioni da intraprendere per raggiungere gli obiettivi di fatturato previsti e con quali dei tuoi servizi o prodotti farlo.

Perché il piano marketing non resti un sogno ma si trasformi in realtà, puoi farti aiutare da un calendario editoriale che supporti il lancio di nuovi prodotti, che stimoli gli utenti a scoprire come lavori attraverso il racconto della tua attività e che li accompagni alla naturale certezza che tu, sei la persona giusta per loro.

Come creare un piano editoriale

Riprendi il tuo piano marketing, recupera un quaderno che ti metta di buon umore e la tua biro preferita, qualche evidenziatore e inizia a lavorare.

Fatto ciò, non ti resta che studiare un piano di contenuti che tocchi questi aspetti.

Ora prendi uno dei tuoi servizi (o prodotti) e inizia a lavorare su di esso.

  • A quali bisogni fa fronte e quali problemi risolve?
  • Come lavori su quel problema?
  • Com’è nato il servizio? Chi sono i tuoi collaboratori e fornitori?
  • Quali valori lo caratterizzano?
  • Quali sono i dubbi più frequenti che hanno i tuoi clienti?

Su ognuno di questi punti lavora per livelli di astrazione e allontanati sempre di più dal focus centrale (il tuo servizio) per rispondere in modo preciso alle richieste dei tuoi potenziali clienti.

Ti faccio un esempio pratico. 

Vivi in un vecchio rustico sulle rive del Po. Detesti la città e, dopo anni vissuti da dipendente di una frenetica multinazionale, hai lasciato tutto per tornare alla casa della tua infanzia. Hai dato vita a un’attività che sia vicina ai tuoi ritmi, più lenti e a contatto con la natura. Hai estirpato dai campi le erbacce e l’erba medica e il grano e hai piantato la lavanda, una distesa di striature viola dal profumo intenso che ti riporta con la mente in Provenza. Da qui è nata l’idea di vendere prodotti a base di lavanda: profumi, oli essenziali, saponette, tisane.

Come puoi parlare dei tuoi prodotti sul tuo blog senza far fuggire i tuoi clienti?

Puoi scrivere rimedi naturali a base di lavanda; come utilizzarla in cucina e come coltivarla in vaso. Puoi raccontare di storie, miti e leggende legate a questa pianta. E puoi parlare di te, del perché hai scelto la lavanda e non un’altra pianta da coltivare. Di come creare decorazioni con la lavanda per la tavola o i matrimoni; di libri e film che parlino della lavanda, della Provenza, di altri luoghi diventati l’emblema di questa coltura. Lascia libera la fantasia: pensa ai tuoi prodotti e a tutto ciò che li può rendere appetibiliin modo indiretto – agli occhi dei tuoi potenziali clienti.

Cosa ottieni con un piano editoriale per il tuo blog aziendale

Un piano editoriale, per portare risultati nel lungo periodo, deve avere queste caratteristiche:

  • deve avere tempistiche di pubblicazione costanti (meglio un articolo ogni quindici giorni per tutto l’anno piuttosto che un articolo tutti i giorni e una pausa di quindici). Spesso il fattore Tempo è la discriminante tra chi gestisce bene un blog e chi fallisce miseramente. La costanza è il fattore che determina il successo della content strategy, ovvero la strategia di marketing basata sui contenuti per questo, per prima cosa, devi valutare con quale frequenza pubblicherai sul tuo blog. Se ti imponi la scadenza di un articolo a settimana, per esempio, fai in modo di rispettarla. Immagina di essere il cliente di te stesso: non puoi slittare la consegna, o sono guai.
  • Deve essere supportato anche da un’analisi delle parole chiave utilizzate dagli utenti sui motori di ricerca. I titoli poetici sono bellissimi, ma sei certo che il tuo potenziali cliente faccia ricerche in quel modo? Le ricerche più comuni sono fatte attraverso la ricerca di risposte dirette a domande, o bisogni.

I risultati che puoi ottenere con la gestione di un blog?

  • Incremento della notorietà e della percezione del brand tra gli utenti (brand awareness) e dei link in entrata.
  • Miglioramento del posizionamento organico del tuo sito se utilizzi le parole chiave al posto giusto (SEO).
  • Miglioramento della strategia SEO on page grazie all’utilizzo di link interni che sviscerano, sempre più in profondità, i tuoi contenuti.
  • Miglioramento del proprio servizio attraverso articoli che rispondono alle domande più frequenti fatte dai tuoi clienti (customer care).
  • Diminuzione del bounce rate (frequenza di rimbalzo, un parametro di Google Analytics che individua il tempo di abbandono della pagina da parte dell’utente) e aumento del tempo di permanenza degli utenti sulle tue pagine.
  • Aumento delle visite alle sales page e di iscrizione alla newsletter.

Se sei tra coloro che si fanno guidare dall’istinto ma vorresti avere una strategia di comunicazione che ti salvi dallo stress e ti offra sempre spunti su come e cosa pubblicare, scrivimi. Sarò felice di accompagnarti a raggiungere i tuoi obiettivi.

Recommend
  • Facebook
  • Twitter
  • Google Plus
  • LinkedIN
Share
Tagged in