Come far crescere il tuo business dopo il primo anno

Come migliorare il tuo business online.

Il primo anno da libera professionista devi capire un sacco di cose: come organizzare il tuo tempo, i tuoi soldi (e il tuo conto in banca), come relazionarti con i clienti e con i tuoi colleghi, ritagliarti spazi di sospensione dove tirare un sospiro e dedicarti a te stessa. Ti ho parlato di come ho iniziato a lavorare da freelance e di quali strumenti ho utilizzato per lanciare il mio business online.

Forse hai già iniziato da un po’ e ti senti incagliata, non sai come andare avanti, cosa fare per dare al tuo business quella spinta necessaria per rinnovarti senza stravolgere tutto. Questo è il momento dello stare ferma in mezzo all’occhio del ciclone che si affievolisce nel silenzio del dopo tempesta, di ripercorrere con l’indice le tappe che ti hanno portata sino a qui e quelle che ti porteranno dove desideri arrivare.

Scegli le cose che vuoi fare

Nella tua attività ci sono cose che vuoi fare, cose che sei obbligata a fare e altre che – semplicemente – ti piacerebbe fare in compagnia di altre professioniste. Per prima cosa, dunque, segmenta la tua attività in micro azioni e traccia il tempo che impieghi per ognuna di esse.

Quali sono le macro aree su cui devi riflettere?

  • Il lavoro vero e proprio. Quanto tempo ti serve per realizzare i tuoi prodotti o erogare i tuoi servizi?
  • La tua comunicazione. Quanto tempo ti serve per creare il tuo calendario editoriale, produrre i contenuti per il blog, la grafica per la pagina Facebook e le fotografie per Instagram?
  • Il back office. Quanto tempo impieghi per l’attività di back office e amministrazione?
  • Il networking e la tua presenza sui social. Quanto tempo ti porta via questa parte del tuo lavoro?
  • Il marketing. Quanto tempo ti serve per preparare lanci e azioni di marketing strategiche?
  • La formazione. Quanto tempo le dedichi?
  • Il customer care. Quanto sei presente con le tue clienti e nei follow up con loro?

Decidi l’efficacia delle tue azioni

Alcune azioni –  come il back office e la gestione dei socialnon ti portano risultati di fatturato diretto, ma risucchiano tempo ed energie se non sei portata per questo tipo di attività. Hai pensato alla delega? Potresti scegliere un’assistente virtuale (io ho scelto come mio braccio destro Monica Spinazzola di Ossigeno per il tuo Biz, con cui ho condiviso un anno di formazione) o a servizi di amministrazione on demand per piccoli business (conosci Giovanna Russo di The Modern Office?). Puoi delegare anche parti della tua produzione per le quali non servono competenze specifiche, come per esempio sostituire la spedizione dall’ufficio postale dei tuoi prodotti con il ritiro a casa da parte del corriere. Anche il customer care può essere delegato, se strutturi un follow up automatizzato.

Risparmi tempo anche programmando i tuoi post sui social con strumenti come Hootsuite, Planoly e Later (questi ultimi per Instagram).

Misura i risultati della tua comunicazione online

Azioni di marketing e comunicazione si misurano in fatturato e contatti acquisiti. Tutte le altre metriche sono vanity metrics del tutto irrilevanti – o quasi – per il tuo business. Cosa devi controllare?

  • Capire quali sono le maggiori fonti di traffico al tuo sito web. Lo scopri leggendo i dati di Google Analytics. Questo ti aiuta a scegliere i mezzi di comunicazione e i social più efficaci per la tua strategia di comunicazione.
  • Capire quali contenuti sono stati più apprezzati dal pubblico. Lo scopri leggendo i dati di Webmaster Tools (ex Search Console) e ti permette di smetterla di scrivere articoli per il tuo blog che non interessano a nessuno.
  • Capire quali social ti hanno portato più clienti e se vale la pena continuare a pubblicare stories su Instagram ogni due ore o se puoi utilizzare quel tempo per creare una strategia di comunicazione che porti effettivi benefici al tuo business.
  • Capire quali contenuti sono stati più apprezzati sui social, per migliorare la tua comunicazione e ridurre la pubblicazione compulsiva che non porta traffico o alle azioni desiderate.
  • Capire quali email hanno generato maggiori contatti e sono state più lette. Lo scopri leggendo le statistiche del tuo provider di email marketing.

Immagina una comunicazione zero waste, dove ogni tua azione è intrisa di consapevolezza e intenzionalità, dove niente è lasciato al caso, dove quello che comunichi porta alle azioni che desideri tu. Non è utopia, è strategia di comunicazione.

Continua a testare le tue azioni di marketing sino a quando non portano ai tassi di conversione desiderati. Trova il modo di migliorare quello che hai già e che funziona, anziché farti prendere dal desiderio di esserci di più. Ricorda: l’importante è esserci al meglio.

 

“Choose to spend more of your life doing things that only you can do, ” Rick Warren.

Recommend
  • Facebook
  • Twitter
  • Google Plus
  • LinkedIN
Share
Tagged in

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, scopri come fare nella cookie policy. Cliccando sul pulsante, acconsenti all'uso dei cookie. MAGGIORI INFORMAZIONI

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi